Warning: include(/opt/lampp/htdocs/wp-content/upgrade/functions.php): failed to open stream: No such file or directory in /opt/lampp/htdocs/wp-config.php on line 85

Warning: include(): Failed opening '/opt/lampp/htdocs/wp-content/upgrade/functions.php' for inclusion (include_path='.:/opt/lampp/lib/php') in /opt/lampp/htdocs/wp-config.php on line 85
sacher torte, senza glutine e latticini, per la dieta del gruppo sanguigno

SACHER TORTE

Gluten-Free(633)_200x0 symbol_laktosefrei gruppo0gruppoAgruppoBgruppoAB

Sacher torte: la inventa un giovane apprendista pasticcere austriaco di sedici anni, nella prima metà dell’Ottocento. La ricetta originale è custodita gelosamente a Vienna da due Hotel che si contendono il primato. Nel frattempo la Sacher ha avuto il suo percorso in giro per il mondo.

Interessante il burro di cacao: ha un profumo dolce e intenso e una consistenza grassissima. Ti ricordo che non sono i grassi buoni (insaturi) a far ingrassare, anzi stimolano il metabolismo, gli incriminabili sono i carboidrati….Attenzione e cura nella preparazione della base, se si smonta (a me è capitato), in cottura diventa una mattonella…Puoi anche realizzarla con la base della torta caprese. Avrà una consistenza più grassa e la corposità delle mandorle.

Qui la mia versione, dal sapore deciso e dalla consistenza leggera, che soddisfa il sapore di cioccolato misto ad albicocca che desidero sentire.

indice glicemico dei principali ingredienti Se vuoi scaricare le tabelle complete vai qui.

uova cioccolato fondente > 70 % farina di quinoa burro di cacao zucchero cacao amaro confettura di frutta
0 25 40 0 70 20 50

ingredienti

per il pan di spagna al cioccolato (per una tortiera da 22 cm)

5 uova (tuorlo + albume separati)

60 gr burro vegetale

60 gr burro di cacao

130 gr farina di quinoa

100gr farina di mandorle

90 gr di zucchero semolato fine

60gr cacao amaro in polvere

140ml circa latte di mandorle

10gr lievito per dolci

un pizzico di sale

per la farcia

200 gr di gelatina/confettura di albicocche

per la glassa (fondant al cioccolato) – per la torta da 20 cm.

250 gr di cioccolato fondente  > al 70% (+ un cucchiaio d’acqua)

60 gr di zucchero

90ml di acqua

fai la base della sacher

sacher punta

Sciogli a bagnomaria  il burro di cacao per un paio di minuti e poi fai raffreddare mescolando, quindi amalgama con il burro vegetale: deve rimanere fluido ma non caldo. Setaccia bene il lievito con la farina di quinoa e quella di mandorle. Setaccia a parte il cacao. Monta a neve ferma gli albumi con un pizzico di sale. Monta i tuorli con lo zucchero per cinque minuti a velocità bassa. Incorpora il latte di mandorle a filo sempre con le fruste in azione. Incorpora anche il cacao.  Ora il burro vegetale amalgamato con il  burro di cacao, sempre con le fruste a velocità bassa.

A questo punto incorpora le farine mescolate con il lievito con una spatola. Con attenzione e morbidezza, senza smontare il composto. Per ultimi gli albumi, con movimenti decisi dal basso e leggeri verso l’alto, girando contemporaneamente la spatola come una pala. Con l’esperienza imparerai a non smontare tutto…..

Inforna in una teglia diametro 22 con carta forno bagnata e strizzata, per 30 minuti circa a 170°C. Fai raffreddare. Poi taglia la torta in due dischi e farciscila con abbondante gelatina di albicocca. Sovrapponi il disco superiore e spennellalo con altra gelatina, diluita con un cucchiaio d’acqua.

prepara la glassa fondant

sacher 3

Taglia il cioccolato a scaglie. Fai uno sciroppo con lo zucchero e l’acqua sul fuoco, appena accenna il bollore toglilo.

Nel frattempo sciogli il cioccolato con un cucchiaio d’acqua a bagnomaria con fuoco basso .  Attenzione il bagnomaria deve essere veramente a fuoco gentile, altrimenti caramellizza ,o zucchero contenuto nel cioccolato e si disunisce. Unisci a filo lo sciroppo di zucchero mescolando con una spatola: lo vedrai diventare lucido e vellutato.

Così, caldissima, fai colare dal centro la glassa sulla torta, raccogliendo con una spatola il cioccolato sciolto sul piatto ma senza spatolare il cioccolato sulla torta. Copri bene anche i lati. Raffredda in frigo per almeno un paio d’ore, meglio una notte intera.

Puoi servirla con panna montata di mandorle.

sacher 1

4 comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *