Warning: include(/opt/lampp/htdocs/wp-content/upgrade/functions.php): failed to open stream: No such file or directory in /opt/lampp/htdocs/wp-config.php on line 85

Warning: include(): Failed opening '/opt/lampp/htdocs/wp-content/upgrade/functions.php' for inclusion (include_path='.:/opt/lampp/lib/php') in /opt/lampp/htdocs/wp-config.php on line 85
HARIRA, LA MINESTRA DEL RAMADAN - dentrolacucinaconsara

HARIRA, LA MINESTRA DEL RAMADAN

Gluten-Free(633)_200x0 symbol_laktosefrei 10184181485_fc7826e504_ogruppo0gruppoAB

Cominciamo a cucinare dal mondo: frequento da anni le cucine mediorientali  e quelle ebraiche e  questa zuppa è perfetta per l’inverno. Il gs 0 la faccia bella densa, il nostro stomaco non ama le cose brodose. E’ un piatto molto sapido e piccante, puoi omettere pepe e harissa. L’harissa è una pasta piccante di peperoncino, aglio e spezie, che trovi nei negozi mediorientali.

La tavola unisce i popoli e questo è l’ennesimo esempio: musulmani ed ebrei sefarditi preparano l’harira con le mille declinazioni familiari, mescolanza di riti, tradizioni, profumi e genti: questa è stata la molla che mi ha fatto scattare la passione per la cucina, molti anni fa…

L’harira è una zuppa tradizionale della cucina berbera, in particolare marocchina, che i musulmani preparano in occasione del Ramadan: è un piatto molto nutriente, arricchito con carne e legumi, che si mangia per rompere il digiuno. Gli ebrei marocchini hanno adottato questo piatto e l’hanno portato con sè in giro per il mondo: l’harira compare spesso sulla tavola dello Shabbat e viene servita tipicamente anche a conclusione di un altro digiuno – prescritto dall’ebraismo stavolta – quello di Tisha B’Av, con il quale ricordiamo la distruzione del Tempio.
Ogni famiglia ha la sua ricetta per questo piatto: puoi prepararlo con la carne o senza, aggiungere legumi in più oltre a quelli tradizionali – ceci e lenticchie – come ad esempio i fagioli o le fave. Ho fatto la mia versione, riducendo notevolmente i tempi di cottura, prelessando i ceci e fave a parte.

E’ vero che non è il massimo dal punto di vista delle combinazioni alimentari cucinare due legumi e quindi due amidi insieme, tuttavia questi legumi hanno una struttura molecolare simile. La buccia di limone alla fine chiude il piatto, se sei rigorosa sulle combinazioni alimentari non metterla. La zuppa comunque è buonissima, saporita e di soddisfazione.

harira zupparamadan (1)

indice glicemico dei principali ingredienti Se vuoi scaricare le tabelle complete vai qui.

farina di quinoa pomodoro cotto ceci aromatiche lenticchie cipolla fave manzo/agnello
40 35 35 15 35 15 40 0

ingredienti

350 gr di carne di agnello o manzo tagliata in piccoli pezzi al coltello (va bene anche tritata)

30gr ghee /olio evo

1 cipolla

150 g di ceci, messi a bagno la notte prima (solo 0)

(AB sostituisci con fave)

150 gr di lenticchie, messe a bagno la notte prima (no 0)

(gs 0 metti le fave secche ammollate come i ceci)

pepe nero a mulino(solo 0)

sale

olio evo

prezzemolo

coriandolo fresco

limone per servire (facoltativo)

¼ di gambo di sedano tritato

1 cucchiaino di curcuma

½ cucchiaino di cannella (no 0 B)

½ cucchiaino di zenzero in polvere

½ cucchiaino di zafferano

½ cucchiaino di paprika

per la salsa tedouirà

olio evo

300 gr salsa di pomodoro densa

1 limone buccia e succo

1 ciuffo prezzemolo

30gr farina di quinoa

1 bicchiere d’acqua

coriandolo fresco

prezzemolo fresco

harissa (facoltativo, no AB)

fai l’harira

Cuoci a mezza cottura i ceci coperti d’acqua con poco sale. Se usi le fave secche, cuocile con i ceci .

Taglia a julienne il sedano, affetta al velo la cipolla. Trita prezzemolo e coriandolo, separatamente. Grattugia la buccia di limone. Taglia la carne al coltello, in pezzi molto piccoli. Falla rosolare molto lentamente, a fuoco bassissimo, nel ghee. dopo 5 minuti unisci sedano e cipolla e prosegui la lenta cottura, senza far colorire. Ora unisci i ceci a mezza cottura, le lenticchie, prezzemolo, coriandolo, cannella, zenzero, curcuma , paprika e un litro d’acqua calda. Regola di sale. (Tieni coriandolo e prezzemolo per la salsa tedouirà). Fai cuocere a fuoco a fuoco lento una mezz’ora circa, unisci anche lo zafferano e aggiungi acqua se necessario.

fai la salsa tedouirà

Disponi una casseruola con un velo d’olio caldo: versaci la salsa, il prezzemolo e il coriandolo rimasti , l’harissa se la usi e un bicchiere d’acqua. Fai cuocere 10 minuti, unisci la farina di quinoa sbattendo con una frusta.

finisci la cottura

harira 2

Versa la salsa tedouirà nella zuppa,  aggiungi acqua a coprire e fai cuocere ancora un quarto d’ora, sempre a fuoco basso. Condisci con pepe a mulino e buccia di limone. Decora con coriandolo fresco.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *